Rizzoli Libri

Icona Login Accedi

Homo biologicus

Pier Vincenzo Piazza

Rizzoli

Come la biologia spiega la natura umana

I misteri del XXI secolo svelati dal cervello preistorico

Da millenni ci consideriamo l’unica specie costituita da un’essenza immateriale e un corpo. Da una parte una natura umana volatile, capace di tutto, pronta a morire per la libertà ma che adora la futilità e coltiva l’eccesso. Dall’altra il corpo, una “macchina” programmata da geni immutabili ereditati dai nostri genitori. Ma la scienza del XXI secolo scopre una materia che “finalmente ci assomiglia, una biologia probabilista, scolpita dalle esperienze, che ci spiega chi siamo e perché facciamo quello che facciamo”. Una nuova prospettiva che non sminuisce la mente riducendola alla materia, bensì che “eleva” la materia al livello della mente. L’uomo è sempre unico, superiore figlio degli dei ma non a causa di un’immaterialità ormai obsoleta: lo è grazie alla sua biologia. In queste pagine, Pier Vincenzo Piazza ci racconta come la biologia sia alla base delle nostre aspirazioni e dei nostri eccessi, come ci spinga verso attività irrazionali, spaccati in due tra spiritualismo conservatore e progressismo materialista. Un altro tipo di uomo si pone in alternativa “un Sapiens completo, che vede la vita in stereoscopia, senza ideologie”. Con lui scopriamo, per esempio, come conciliare ecologia e aspirazioni umane, che diventiamo obesi perché siamo troppo intelligenti e che la tossicomania non è un vizio ma una vera malattia di cui conosciamo ormai la biologia. Homo Biologicus conferisce alla biologia il potere di dare un senso universale alla vita e guidare la nostra specie verso un nuovo futuro.