Rizzoli Libri

Icona Login Accedi

Il tiranno

Stephen Greenblatt

Rizzoli

Shakespeare e l’arte di rovesciare i dittatori

Perché qualcuno, si chiede Shakespeare, dovrebbe appoggiare un leader palesemente inadatto a governare, una persona pericolosa e impulsiva, malvagia e subdola, o indif-ferente alla verità? Perché, in alcuni casi, le prove di crudeltà non sono un deterrente, bensì un’attrattiva capace di trascinare seguaci soddisfatti? “Da questo momento,” dichiara Macbeth “il primo moto dell’animo sarà / tutt’uno con il moto della mia mano.” Ma allora le istituzioni che dovrebbero impedire alle persone comuni, e ancor più ai leader delle nazioni di agire sulla spinta di ogni impulso folle, dove sono? E quali sono i meccanismi psicologici che conducono una nazione a dimenticare i propri ideali e persino il proprio interesse? Nonostante siano passati secoli, i re e i contadini di Shakespeare gettano luce ancora oggi sul carattere delle masse e dei loro agitatori, trovando rinnovata chiarezza nelle osservazioni di Greenblatt. La fragilità improvvisa delle istituzioni, il disordine delle classi dirigenti e la rabbia populista come conseguenza della crisi economica sono tutti elementi per comprendere la politica moderna, ma anche quello spirito popolare di umanità che per Shakespeare rimase per sempre l’unica vera speranza, perché “si può soffocare, ma mai spegnere del tutto”.

Libri Correlati

vedi tutti