Rizzoli Libri

Icona Login Accedi

Qatar papers

CHRISTIAN CHESNOT GEORGES MALBRUNOT

Rizzoli
Copertina di: Qatar papers

Tutti i documenti sui finanziamenti dell’Emiratoin Italia e in Europa

Uno dei cinque pilastri dell’Islam è la carità, l’obbligo per il fedele di «purificare» le proprie ricchezze destinandone una quota alle categorie più svantaggiate della società. Qatar Charity, organizzazione non governativa fondata a Doha nel 1992, nasce con lo scopo di assistere e migliorare le condizioni di vita dei soggetti più bisognosi, un compito che assolve non solo nei ristretti confini dell’Emirato ma anche tra le comunità islamiche di altre nazioni, destinando fondi per la costruzione di moschee, scuole, centri culturali e altri beni immobili.In un’indagine esclusiva che dall’Europa arriva all’Italia, due esperti di geopolitica mediorientale hanno seguito le ramificazioni finanziarie di Qatar Charity nel nostro continente, analizzando un’imponente mole di documenti riservati, comunicazioni interne, ricevute di versamenti. L’immagine che emerge è quella di un supporto capillare, benché molto discreto, ai movimenti islamisti europei, in particolare alle associazioni che fanno capo ai Fratelli musulmani. E tra i principali finanziatori della ong figurano persone molto vicine allo stesso emiro.Questo rapporto getta un’ombra grigia sui rapporti tra il Qatar e i Paesi europei, in un momento in cui l’Emirato, ai ferri corti con gli altri Stati arabi e accusato di fomentare il terrorismo internazionale, cerca di rilanciare la propria influenza effettuando cospicui investimenti nel vecchio continente (a cominciare dall’Italia), dall’industria al settore immobiliare fino al mondo dello sport. Ma come può l’Europa resistere al soft power dello Stato arabo, quando la sua ingerenza economica e politica ha raggiunto un livello senza precedenti?